martedì 15 marzo 2016

SE QUESTO SARA' UN UOMO

                                    SE QUESTO SARA' UN UOMO


                                            Alba R. La Mantia - olio su tela -30X30


SE QUESTO SARA' UN UOMO
Domenica un minuscolo esserino ha visto la luce (sic!) nel fango, come accoglienza una doccia gelata con poca acqua sotto un cielo grigio, tra il fango, le urla, il dolore, i rifiuti. In un'atmosfera tristissima dove nessuno lo attendeva se non la sua mamma. Nessuno ha festeggiato. Nessuno gli ha portato doni, nessuno se ne sarebbe accorto se qualcuno non avesse scattato questa foto e chissà quanti altri come lui sono venuti in questo pianeta con questa stessa accoglienza. Se quel bambino ne avesse coscienza urlerebbe di rabbia.
Ieri mentre noi guardavamo questa foto in altro luogo in pompa magna e con giubilo lanciavano ExoMars. Qualcosa che è costata quanto costerebbe mettere tutta questa povera gente al caldo, sfamarli, metterli al sicuro da bombe e manganelli, filo spinato e umiliazioni di ogni genere. 
L'Europa spende milioni per andare su Marte e contemporaneamente non sa accogliere dei profughi, numerosi è vero. Non sa darsi una politica comune e si disgrega in una crisi di identità e di scopi ma lancia megalomani progetti spaziali. L'Europa cupa di questi tempi che finanzia guerre arruola eserciti e produce vittime, unica voce in attivo di questa assurda finanza. 
Allora mi chiedo se quel bambino sarà mai un uomo, se è sopravvissuto a quella doccia, se sopravviverà agli stenti, se avrà un'infanzia, un luogo per giocare o se semplicemente giocherà, se negli anni futuri avrà una patria, una casa, un lavoro o da mangiare o se, come oggi, è già un fantasma, nemmeno più un numero, sarà un uomo? Intanto la propaganda ci esorta all'orgoglio patrio e ci fa guardare verso Marte per farci scordare il fango intorno a quella novella Betlemme dove non c'è sabbia ma fango dove la meta non è un censimento ma l'ignoto, dove non ci sono capanne ma tende di plastica della decathlon...come una nuova specie di campeggiatori!

Nessun commento: